La retta consiste in una QUOTA PASTO addebitata per ogni giorno di utilizzo della refezione scolastica.

È calcolata in base alle tariffe approvate dal Comune di Settimo Milanese e attuate tramite il Regolamento generale dei servizi scolastici. Per le agevolazioni tiene conto, ai sensi del DPCM 159/2013, dell’attestazione ISEE rilasciata nello stesso anno solare di iscrizione al servizio (es. iscrizione nel 2017, serve ISEE rilasciato nel 2017), che viene applicata fino al termine del servizio nell’anno scolastico in corso (mese di luglio). Deve quindi essere ritrasmessa per ogni anno scolastico.

OCCORRE SAPERE CHE 

verrà applicata la TARIFFA INTERA in caso di mancata presentazione dell’attestazione ISEE e per tutti
gli utenti non residenti;

l’agevolazione viene applicata dal primo giorno di mensa se l’ISEE è presentato in fase di iscrizione o entro dieci giorni dalla stessa, in qualsiasi periodo dell’anno si acceda al servizio;

se si è in fascia massima, è possibile richiedere un’agevolazione entro il 31 dicembre dell’a.s. in corso, che sarà applicata dal giorno successivo alla data di trasmissione dell’ISEE fino alla fine dell’anno scolastico, senza effetto retroattivo;

la riduzione dal terzo figlio, iscritto con domanda distinta, viene attribuita dietro presentazione dell’ISEE fino
    a un indicatore di euro 35.000 e solo agli utenti residenti.

TARIFFE PER TUTTI GLI ORDINI DI SCUOLA

 

FASCIA ISEE

COSTO PASTO

COSTO PASTO DAL 3° FIGLIO
(per ISEE fino a € 35.000)

1

inferiore   a € 2.500,00

€ 0,90

€ 0,60

2

da €   2.500,01 a € 5.000,00

€ 1,45

€ 0,90

3

da €   5.000,01 a € 8.000,00

€ 2,80

€ 1,45

4

da €   8.000,01 a  € 10.000,00

€ 3,45

€ 2,80

5

da €   10.000,01 a € 15.000,00

€ 3,90

€ 3,45

6

da €   15.000,01 a € 20.000,00

€ 4,40

€ 3,90

7

da €   20.000,01 a € 35.000,00

€ 4,80

€ 4,40

8

oltre   € 35.000,00 e NON RESIDENTI

€ 5,30

€ 5,30


ADDEBITO GIORNALIERO, VERIFICA PASTI, RIMBORSI E RESIDUI
La quota pasto viene addebitata per ogni giorno di frequenza scolastica tramite il sistema di prenotazione denominato SCHOOL-CARD. La prenotazione del pasto è a cura della scuola.
La verifica della correttezza della prenotazione è a carico dell’utente, vedi Verifica saldo e fascia.

Richieste di rimborso per errata prenotazione saranno accettate entro il 15 del mese successivo alla fruizione del servizio, tramite dichiarazione scritta della scuola che certifichi l’assenza. In caso di uscita anticipata non preventivata, il pasto prenotato sarà comunque contabilizzato poiché ormai già preparato della cucina.

I crediti residui al termine dell'anno scolastico rimangono disponibili per quello successivo. In caso di termine del servizio con credito residuo, è possibile richiederne per iscritto (mail o fax) entro il 31 agosto dell'anno in corso il rimborso, che può avvenire tramite trasferimento al PAN di un familiare o di un amico oppure con bonifico (indicare IBAN nella comunicazione).

COME E DOVE PAGARE
Il pagamento dei pasti deve essere anticipato sul consumo ("prepagato"), per un importo di minimo 20 pasti (solo a fine anno sarà possibile saldare il residuo, di qualsiasi cifra si tratti). Lo si effettua con una semplice ricarica tramite:

1. Un numero identificativo denominato codice PAN da utilizzare presso i punti di ricarica autorizzati:

CARTOLERIA PAOLINI                     via Di Vittorio 47, Settimo Milanese
TABACCHERIA MANTOVANI           via Gramsci 45, Settimo Milanese
PANETTERIA VALENTI                     via Dei Garibaldini 8, Settimo Milanese
CARTOLERIA IL QUADRIFOGLIO   via Silone 36, Seguro di Settimo Milanese
TRATTORIA AL 106                          via IV Novembre 106, Villaggio Cavour

2. Una sequenza numerica denominata codice UTENTE da utilizzare presso gli sportelli automatici di Banca Intesa di tutto il territorio italiano con la propria tessera bancomat (vedi modalità sulle Disposizioni caricate alla pagina Iscrizione e disposizioni). Il pagamento prevede una commissione di euro 1,10 per ogni operazione, addebitata sul c/c personale del nominativo del Bancomat.

3. Cinque codici a BARRE (corrispondenti a cinque tagli di spesa) da utilizzare presso le casse dei supermercati e ipermercati COOP. Ogni ricarica prevede una commissione di € 0,50 (soci Coop) / € 1,00 (non soci) e oneri di gestione pari a € 0,60 (€ 0,05 Coop, € 0,18 SettimoPero, € 0,37 gestore software). Totale spese: € 1,10 soci / € 1,60 non soci. Es. per taglio da € 100,00: pagamento effettivo alla cassa € 101,10 soci Coop, € 101,60 non soci, di cui € 100,00 ricaricati sul conto mensa dell’utente e € 1,10/1,60 per costi transazione.

Tutti i codici sopra elencati sono personali (uno per ogni utente). Vengono consegnati alle famiglie tramite la scuola (lettere consegnate ai consumatori) dopo pochi giorni dall'inizio del primo anno di frequenza delle scuole di Settimo e rimangono validi per tutta la durata del percorso scolastico, anche nel passaggio dei cicli (es. da infanzia a primaria). Devono quindi essere conservati.

MANCATO PAGAMENTO
Se il credito si esaurisce, il sistema registra il debito. Per agevolare le famiglie a non superare la soglia del credito, a raggiungimento di 5 pasti residui, il sistema invia un sms o una email a titolo di memorandum.

Le quote della refezione scolastica dovranno comunque essere saldate entro il sabato successivo al termine della scuola. In mancanza di saldo, verrà inviata raccomandata di sollecito a fronte della quale, se non si provvederà al saldo totale, il nominativo sarà trasmesso ad agenzia di recupero credito per la riscossione, con aggravio di costi e interessi.

Occorre sapere che:
-
la mensa scolastica deve essere pagata con anticipo sul consumo (prepagato); se ciò non avviene, la società SettimoPero può inviare in corso d’anno solleciti via mail, sms, lettere consegnate a scuola;
-
SettimoPero si riserva, a fronte di debiti consistenti in corso di anno scolastico, di avviare la pratica di recupero credito anche prima della fine dell’anno scolastico, in considerazione dell’obbligatorietà del pagamento anticipato; -
al termine della scuola si è tenuti ad azzerare anche minimi importi a debito; eventuali saldi attivi saranno riportati nell’anno successivo; chi termina il servizio dovrà avvalersi degli altri canali di pagamento;
-
si consiglia di iniziare i pagamenti per il nuovo anno dal primo settembre.